Orchestra Città di Grosseto

Orchestra i Solisti di Milano

Omaggio a W. Amadeus Mozart

Domenica 19 novembre 2017, Teatro Bibiena ore 17.00

W.A. Mozart (1756 - 1791)
Concerto per pianoforte e orchestra KV 271 in Mi bemolle maggiore
Allegro
Andante
Allegro
Concerto per flauto e orchestra KV 314 in Re maggiore
Allegro aperto
Andante ma non troppo
Allegro
Concerto per corno e orchestra KV 417 in Mi bemolle maggiore
Allegro maestoso
Andante
Rondò

Dopo il grande successo riscontrato durante la prima edizione di MantovaMusica, torna anche quest'anno un concerto dedicato interamente alla figura di Wolfgang Amadeus Mozart. L'Orchestra i Solisti di Milano, al suo debutto nel Teatro Bibiena, accompagnerà tre interpreti d'eccezione impegnati in altrettanti capolavori mozartiani. Aprirà il programma il Concerto per pianoforte in Mi bemolle maggiore KV 271 che vedrà come solista la pianista greca Maria Yavroumi. Composto nel gennaio 1777 da un Mozart ventunenne, è un lavoro di notevole valore per la freschezza e la varietà dell'invenzione melodica e per l'armonica fusione espressiva tra solista e orchestra. Con il nome della pianista a cui Mozart la dedicò, "Jeunomme", questo composizione è divenuta una delle pagine più conosciute ed eseguite del repertorio pianistico. Seguirà il Concerto per flauto in Re maggiore KV 314, che vedrà il ritorno al Teatro Bibiena del giovane flautista Tommaso Benciolini, già protagonista del concerto di omaggio a Mozart della Stagione 2016, accolto con unanime consenso da pubblico e critica. Il Concerto KV 314 è definito dal musicologo De Saint Foix potè scrivere su questa composizione: «... il trionfo della leggerezza: per sostenere il soffio aereo del flauto sembra che perfino i bassi divengano elastici e contribuiscano a rilanciare nell'aria le vive e fuggitive melodie». Chiuderà il programma il Concerto per corno in Mi bemolle maggiore KV 417: Mozart dedicò la composizione a Ignazio Leutgeb, che era un valente strumentista salisburghese. Leutgeb nutriva una profonda ammirazione per Mozart, ma questi, pur stimandolo come cornista, lo considerava un ignorante e un superficiale. Sul frontespizio del secondo concerto, che apparve il 27 maggio 1783 a Vienna, è scritto: «A. Mozart ha avuto pietà di quell'asino, bue e pazzo di Leutgeb». Protagonista sarà il cornista rumeno Dariusz Mikulski, fondatore e leader della Symphonic Orchestra of the Great Philharmonics, che oltre ad eseguire la parte solistica del Concerto per corno dirigerà l'Orchestra Città di Grosseto per tutto il corso della serata.

Stampa Email