Fantastic Trio

Fantastic Trio

Concerto per le scuole

 

conservatorio chiostro

Fantastic Trio

Francesco Guicciardi
Matteo Poiani
Nicola Alberto Morelato
Giovedì 4 maggio, Auditorium Cavazzoni ore 11.00

V. Semionov (1946) Don - Rhapsody n.1 (Francesco Guicciardi, fisarmonica) - Don - Rhapsody n.2 (Matteo Poiani, fisarmonica)

V. Trojan (1907 - 1983) Die zertrümmerte Kathedrale (Nicola Alberto Morelato, fisarmonica)

Anonimo - Balkan dance 
Wolmer Beltrami (1922 - 1999) Il treno 

Astor Piazzolla (1921 - 1992) Meditango (arr. P. Vignani) 

Johann Pachelbel (1653 - 1706) - Ciaccona in fa minore (arr M. Milani)
Mario Milani - Diario di bordo - Czardas Op. 2 - Tarì 

Il viaggio inizia con la fisarmonica solista e la grande tradizione russa: le due rapsodie di Semenov rappresentano due visioni del grande fiume Don. Seppur diverse, entrambe le rapsodie hanno questo moto continuo del fiume che non si ferma mai; ci sembra quasi di sentire la circolarità delle onde. Rimanendo in Russia ascoltiamo il dramma della cattedrale distrutta descritta da Trojan: le dissonanze e le spigolature interne ci fanno sentire sulla pelle gli enormi massi di marmo cadenti dall’alto; infine tutto si spegne nel silenzio. Il trio propone invece un viaggio: dall’anonimo Balkan Dance, che ricorda le vicine terre dell’est Europa, il treno melodioso di Beltrami ci accompagna con la sua bella andatura da viaggio. Ecco poi un tango argentino di Piazzolla: Meditango forse è meno conosciuto degli altri tanghi più celebri, ma la carica interna riesce a far scattar quella scintilla di passione. Rallentando il passo ritorniamo alle origini della musica moderna con Pachelbel: la bellissima Ciaccona eseguita con tre fisarmoniche permette molta chiarezza nell’individuare le singoli voci e il magnifico contrappunto barocco. Diario di bordo, il brano più recente composto dal maestro Milani, ci fa prendere la nave per poter fare le ultime tappe insieme a lui: con Czardas e Tarì rientriamo ancora nella tradizione est-europea, quella ungherese prima e poi sempre più a est

Stampa Email