Vivaldi a Mantova: le Quattro Stagioni

Vivaldi Baroque Ensemble
Sanghee Sania Cheong, violino
Magdalena Aparta, mezzosoprano

VIVALDI A MANTOVA:
LE QUATTRO STAGIONI

Domenica 13 gennaio 2019
Teatro Bibiena | ore 17.00

A. Vivaldi (1678 - 1741)
Nisi Dominus Salmo 126
per contralto, archi e basso continuo RV 608

Si scrive barocco italiano, si dice Antonio Vivaldi. Il “prete rosso” – appellativo con cui è passato alla storia per la sua selvaggia capigliatura rossa, temprato anche dal tipo di musica estremamente vivace, contagiosa e altamente virtuosistica che sempre seppe scrivere – nasce a Venezia il 4 marzo 1678. Attorno al 1716 scrive il Nisi Dominus RV 608, cantata sacra su testo del Salmo 126 per contralto, archi e basso continuo. È articolato in nove “numeri”, che si succedono con frequenti alternanze di tempi veloci e lenti e con marcati cambiamenti d’atmosfera, mentre i toni teatrali delle arie, che hanno melodie vocali riccamente ornate e ritornelli orchestrali nello stile del concerto, si alternano al pio fervore degli ariosi, semplici e accompagnati dal solo basso continuo: da questi contrasti la musica trae gran parte della sua forza espressiva. Se già attraverso il repertorio sacro Vivaldi è capace di “travolgere” l’ascoltatore con la vivacitàdelle sue composizioni, è nel repertorio profano che la brillantezza senza pari della sua musica trova il proprio culmine. Ne sono forse il più noto esempio le celeberrime Quattro stagioni op. 8. Da un punto di vista dell’evoluzione stilistica, Vivaldi ha dato forma e perfezione definitive al concerto solistico rafforzando la contrapposizione del “tutti” e dei “soli” e soprattutto introducendo nella parte dei solisti una intensa espressività, un lirismo personale conosciuto in quel tempo soltanto nell’aria d’opera. Il violino è protagonista assoluto, virtuoso come nell’Estate o sorgente di celestiale dolcezza come nell’Inverno.